Un colpo di spugna contro l’inquinamento

Dall’Argonne National Laboratory una rivoluzionaria spugna che assorbe petrolio sopra e sotto sotto la superficie del mare, per contrastare efficacemente i disastri ambientali. Partendo da una comune schiuma di poliuretano, la spugna, chiamata Oleo Sponge, è stata rivestita al suo interno di nanostrutture di ossido di metallo che servono come collante per attirare e trattenere le molecole di idrocarburi. La spugna così realizzata ha un alto potere assorbente, pari a 90 volte il suo peso, ed è di gran lunga più resistente di quelle usate in passato, consentendo di essere utilizzata più e più volte. Una sfida sino ad oggi impossibile se si pensa anche che la spugna può essere strizzata, riutilizzando parte del petrolio assorbito. Potenzialmente, la Oleo Sponge potrebbe essere utilizzata per la pulizia routinaria dei porti, dove si accumulano gli idrocarburi derivanti dal traffico marittimo.

http://www.focus.it/tecnologia/innovazione/la-spugna-riutilizzabile-che-cattura-il-petrolio

https://news.uchicago.edu/article/2017/03/07/argonne-invents-reusable-sponge-soaks-oil-could-revolutionize-spill-cleanup

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here