Con TopSolid V7 la Missler Software propone una soluzione CAD/CAM/PDM associativa e parametrica sviluppata sul motore Parasolid. Di ultima generazione (.net e C#), TopSolid offre all’utilizzatore una soluzione CAD ibrida per la progettazione di parti (solidi, superfici, lamiera, impiantistica), assiemi con vincoli e meccanismi, esecutivi 2D con relative distinte basi e indicizzazioni su più livelli, il tutto in modalità associativa. Il PDM nativo controlla e automatizza l’interazione tra i vari utenti e il giusto workflow del prodotto (modifiche, revisioni, casi d’impiego, ricambistica). Inoltre TopSolid si distingue per le prestazioni dei suoi moduli integrati e verticalizzati. Per quanto riguarda il settore stampi, TopSolid dedica una soluzione specifica per la progettazione, la gestione e lavorazione degli stampi plastica, pressofusione e lamiera. Punto di forza del sistema è la totale integrazione tra CAD, CAM e ora PDM, uno strumento quest’ultimo che, nell’implementazione della softwarehouse, è ancor più apprezzato nelle piccole aziende in grado di rispondere alle esigenze anche di chi usa il software saltuariamente o soltanto per fare percorsi utensili. Infatti il PDM è un strumento che ha molti ruoli (dall’archiviazione, alla gestione delle modifiche, delle revisioni, delle comunicazioni e altro ancora) ma che molto spesso spaventa per complessità. Il successo di TopSolid (+30% di installazioni nell’ultimo biennio) è stato proprio di rendere questo strumento apprezzato anche dai novizi.  In termini di CAD, questa release del programma è stata sviluppata per gestire al meglio sempre più informazioni geometriche su assiemi sempre più grossi e complessi con studi cinematici e dinamici. Il software è stato riscritto totalmente per rispondere a queste esigenze, mantenendo la parametrizzazione e l’associatività oppure la libertà di progettazione diretta senza vincolare lo studio dalla partenza. Le altre evoluzioni riguardano l’arricchimento di librerie (dal 1 gennaio 2017, è stata riaggiornata completamente la libreria Pedrotti). TopSolid’Mold V7 dispone delle librerie Pedrotti e risponde alle numerose richieste utilizzatori che si forniscono dal gruppo italiano Pedrotti per quanto riguarda i componenti normalizzati per l’attrezzeria. Per quanto riguarda invece il lato CAM lo sviluppo si spinge sempre più verso una virtualizzazione completa della lavorazione per una gestione a 360° della fase produttiva: studio delle attrezzature, definizione degli utensili e degli ingombri reali, generazione di percorsi utensili sia di lavoro che di approccio / ritorno considerando il contesto reale della macchina utensile e del grezzo di lavorazione. Oltre alla complessità delle nuove macchine sempre più ibride (multi tasking), il CAM può ora gestire presetting e tastatura, e fornire automaticamente tutta la documentazione necessaria per soddisfare i criteri di qualità (schede tempi e cicli, schede utensili, schede preparazione magazzino utensile, schede piazzamento pezzo con staffaggio). Il concetto di Fabbrica Digitale traspare nettamente da queste evoluzioni.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here