Stampisti: ottimismo, finalmente!

apertura«Rispetto allo scorso anno ritengo che qualcosa sia cambiato: finalmente l’atteggiamento degli operatori nel settore degli stampi è tendenzialmente positivo». A parlare è Lino Pastore presidente di Ucisap, l’Unione Costruttori Italiani Stampi & Attrezzature di Precisione, in occasione della nuova assemblea dell’associazione svoltasi a fine maggio a Cavenago Brianza (MB), presso il moderno centro tecnologico della Makino, nota multinazionale giapponese specializzata nella costruzione di macchine utensili per stampi e componenti meccanici d’alta precisione. Dopo anni di caduta vertiginosa e di continui allarmi pessimistici, oggi il settore degli stampi vive una fase di fiducia, aperta verso la ripresa del lavoro e delle attività del mercato. Probabilmente, la ragione di tale situazione è stata determinata dalla crisi stessa la quale ha fatto negli anni scorsi “ordine” all’interno del settore degli stampi, bilanciando la domanda con l’offerta. Pastore: «È anche possibile che gli stampisti si siano abituati a lavorare in un regime di emergenza, a vista, a basso valore aggiunto, e che finalmente comincino a cogliere qualche frutto della tanta ricerca e innovazione in cui le aziende hanno provato a investire in questi anni per rimanere competitive». Resta il fatto che i segnali positivi ci sono, e indicano che la categoria degli stampisti italiani è importante e resta tra le migliori al mondo, nonostante i problemi politici, le esigenze di rigore e la concorrenza dei mercati emergenti sempre più agguerrita e tecnologicamente avanzata. Il presidente aggiunge: «In questi ultimi mesi, l’attenzione verso la nostra categoria è maggiore da parte della finanza e degli investitori, come dimostrano le grandi operazioni di acquisizione da parte di fondi di investimento nel mercato degli stampi». Inoltre, è noto che, da circa un anno a questa parte, multinazionali giapponesi, americane e mediorientali stanno analizzando le possibilità e la potenzialità della categoria degli “stampisti” per acquisire o creare aziende di stampi nel Sud Europa, o comunque per investire, in particolare Spagna ed Italia.

UC.03 -
Massimo Ughini di Makino Italia S.r.l. riceve la targa in qualità di nuovo socio sostenitore.

Le opportunità quindi non mancano e, oltretutto, attraverso varie piattaforme di investimento, è oggi possibile accedere a finanziamenti: per esempio, partecipando ad “Horizon 2020”, il nuovo programma del sistema di finanziamento integrato destinato alle attività di ricerca della Commissione europea. A tal proposito, Pastore precisa: «Sappiamo che accedere a questo tipo di fondi, specialmente per imprese di piccole dimensioni come le nostre, non è affatto facile. Tuttavia dovremmo essere capaci di cogliere queste opportunità, per esempio ricercando alcune competenze altrove o unendoci con altre imprese in reti, gruppi o consorzi». Questo significa che le imprese operanti nel settore degli stampi, per quanto storicamente chiuse e diffidenti, dovranno imparare a condividere competenze e a collaborare maggiormente rispetto al passato, al fine di creare una nuova “cultura imprenditoriale” e utili sinergie all’interno della categoria degli stampisti.

Una fase di cambiamenti e innovazioni

Lino Pastore pone l’attenzione su aspetti più tecnici: «Nei prossimi anni il settore automotive produrrà molti componenti in plastica in sostituzione di parti metalliche, e a tal fine i costruttori di stampi e di camere calde si stanno attrezzando. In definitiva, stiamo attraversando una fase di fermento, ricca di investimenti e di innovazioni tecnologiche.

02
Il presidente Lino Pastore consegna la targa in qualità di nuovo socio a Emanuele Montanari della società Mo-Mi S.n.c. (Gambettola, FC).

Basti pensare alla stampa 3D, alla robotica e all’automazione in genere, alle nanotecnologie, ecc.: tutti noi dobbiamo aprirci a queste nuove forme di produzione e ai nuovi settori di sbocco, in modo da riposizionare le imprese al centro dello sviluppo tecnologico». Il mercato chiede insomma alle imprese che operano nel mondo degli stampi di essere “aggiornate e competenti” non solo da un punto di vista tecnico, ma anche nel proporre servizi e soluzioni efficaci, e di continuare a investire in formazione, ricerca e sviluppo. «I nostri clienti – riprende Pastore – non si accontentano più di “buoni stampisti”, pretendono ormai vere e proprie industrie qualificate, che li seguono nella fase produttiva e li aiutino a condividere e risolvere i problemi». Lino Pastore propone ai soci di UCISAP una citazione dal libro “La Risposta” di John Assaraf e Murray Smith: «Gli eventi che capitano alla tua azienda sono il riflesso dei tuoi pensieri, l’eco delle tue azioni e del pensiero che si cela dietro di esse». E cioè: gli anni di crisi sono stati (e sono!) duri, tuttavia è inutile cadere nel vittimismo e piangersi addosso. Per un imprenditore ciò che conta è desiderare di raggiungere determinati obiettivi, il che vuol dire avviare nuovi progetti e darsi da fare per realizzarli, con forza, determinazione e ”intelligenza”, cercando di capire cosa chiede il mercato e provando a ricercare validi alleati e collaboratori. Il presidente conclude con un pensiero all’associazione: «Ritengo che il compito di UCISAP non sia quello di formare tecnici o presentare tecnologie, compito per il quale sono assai più preparati altri soggetti quali università, centri di ricerca e le stesse aziende, bensì quello, ben più arduo, di stimolare i soci a modificare la propria cultura imprenditoriale e a prendere coscienza del fatto che la nostra categoria è protagonista all’interno della filiera produttiva».

UCISAP, quanti progetti!

Al termine della relazione del presidente, l’assemblea ha approvato il bilancio consuntivo dell’esercizio finanziario 2013 e il bilancio preventivo dell’esercizio finanziario 2014. Dopo la ratifica dell’ammissione dei nuovi soci, il direttore UCISAP, Giovanni Corti, hapresentato le attività in corso e i programmi di UCSAP per il biennio 2014-2015. Rendiamo conto di seguito degli appuntamenti più interessanti. Il prossimo 19 settembre, presso il Chervò Golf Club & Resort di Pozzolego (BS), si svolgerà il Congresso Stampi&Co., in cui verranno trattati temi vari tra cui “il ritorno delle produzioni nei Paesi in EU” detto anche “reshoring” (fenomeno inverso alla delocalizzazione); e “forme di collaborazione tra stampisti: gruppi o reti di impresa”; “rendere competitiva la propria azienda tramite banchmarking”. Per quel che riguarda la partecipazione alle fiere, UCISAP sarà presente alla prossima edizione a Fakuma, rassegna che si svolgerà il prossimo ottobre a Friedrichshafen, in Germania, con uno stand comune di 70 metri quadrati, comprendente 5 aziende, ma “a forte individualità”, con grafiche e design personalizzati. L’associazione sarà presente anche alla Fiera Plast, che si terrà a Milano nel maggio 2015, con uno stand di 160 metri quadrati che ospiterà 10 aziende; ed è allo studio anche la partecipazione alla fiera K 2016 di Düsseldorf. Tra le iniziative più interessanti dell’Associazione, ricordiamo l’apertura del blog di UCISAP e l’organizzazione un incontro sul tema della “Direttiva Macchine”.

Un centro per il trasferimento tecnologico

UC.01 - DSC04483
Il centro tecnologico Makino di Cavenago Brianza.

Al termine dell’assemblea UCISAP, tutti i soci hanno potuto ammirare il centro tecnologico Makino di Cavenago Brianza (MB), dove gli esperti del gruppo giappon

ese supportano e assistono i propri clienti. Il centro, di recente costruzione, consente a Makino di essere il più vicino possibile alle tante aziende di piccole e medie dimensioni che hanno bisogno di supporto per sviluppare la loro tecnologia sfruttando a pieno il potenziale delle macchine. L’obiettivo principale – e i soci UCISAP lo hanno potuto toccare con mano – è quello di “trasferire tecnologia” ai clienti (e anche, viceversa, “apprendere tecnologia” dai clienti), creando partnership orientate a trovare soluzioni d’alto livello e sviluppando contemporaneamente tecnologie per applicazioni specifiche su macchine, in particolare a 5 assi.

 

 

 

 

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here