Sono 111 i FAB-LAB attivi in Italia: la prima è l’Emilia-Romagna con 19

fablabL’Emilia-Romagna è la prima regione per numero di Fab Lab in Italia con 19 laboratori dedicati alla fabbricazione digitale, la Lombardia seconda ne ha 16 in tutto. I rappresentanti dei FabLab italiani ed europei si sono confrontati a Bologna in una due giorni di lavoro all’interno di R2B (Research to Business), il salone internazionale della ricerca industriale e dell’innovazione organizzato da Regione Emilia-Romagna, Bologna Fiere, Smau e Aster, consorzio regionale per l’innovazione e la ricerca industriale.

I Fab Lab – è stato detto durante Research to Business – sono i nuovi protagonisti della manifattura 4.0. Laboratori che offrono servizi personalizzati per lo sviluppo di nuovi prodotti. Spazi aperti, che nascono per portare la digital fabrication e la cultura open source in un luogo fisico, dove macchine, idee, persone e approcci nuovi possono mescolarsi liberamente.

In Italia sono ad oggi 111 gli spazi con queste caratteristiche. Oltre alla leadership dell’Emilia-Romagna e alle spalle della Lombardia, troviamo il Veneto (3° posto) con 12 Fab-Lab, il Lazio (4° posto) con 10 e prima del Sud Italia la Puglia (5°) con 7. Sesta è la Toscana (6 Fab-Lab), seguita da Sicilia, Campania e Marche con 5 Fab-Lab ciascuna.

Durante questa edizione di Research to Business i rappresentanti di Mak-ER, la rete della manifattura digitale in Emilia-Romagna principali, assieme a Fab Lab nazionali e ad un gruppo di esperienze europee eccellenti, si sono confrontati sul tema dei modelli di business in rapporto alla collaborazione con le imprese, allo sviluppo di attività educative e al   ruolo dei Fab Lab come luoghi di progettazione per le comunità locali.

Stiamo lavorando – sostiene il Presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonacciniper costruire un sistema regionale al servizio dell’innovazione della ricerca, una sorta di Silicon valley tascabile. Lo stiamo facendo attraverso azioni a 360° che coinvolgono e mettono in rete tutti gli attori economici, sociali e istituzionali. Per competere nel mercato globale occorre saper vincere la sfida della qualità, della ricerca e dell’innovazione. In questo senso, R2B è un naturale elemento catalizzatore nelle relazioni virtuose tra ricerca, Rete regionale dei Laboratori alta tecnologia, Fab Lab, Start up e mondo delle imprese”.

I maker che lavorano nei Fab Lab e makerspace italiani – afferma Paolo Bonaretti, direttore generale di Aster – stanno cercando di individuare processi sostenibili di collaborazione con le imprese, partendo dalle migliori esperienze nazionali e internazionali. Il lavoro di questi giorni sarà condiviso in modalità open a vantaggio di tutta la comunità”.

In Emilia-Romagna, ad oggi, i Fab-Lab e i Makerspace strutturati sono: MakeInBo e Fablab Imola,  Fablab Valsamoggia (Monteveglio), Wake’n’Make (S.Giovanni in Persiceto, Bo), Fablab Casa Corsini (Fiorano Modenese),  Fablab Faenza,  Fablab Forlì, FabLab Parma, Fablab Reggio Emilia-REI (Reggio Emilia), Fablab Romagna (con 3 sedi a Cesena, Rimini e Forlì),  Fablab Terre di Castelli (Spilamberto),  MakeInCo – Fablab (Comacchio),  MakeItModena (Modena),  Makers Modena Fablab, MakeRN (Rimini), Maker Station Fablab (Ravenna)  WASProject (Massa Lombarda, Ra),  Urban Hub (Piacenza), RaspiBo.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here