SCHUNK, datamatrix e Industria 4.0

Nel contesto dell’Industria 4.0, un tool management trasparente è uno dei temi centrali per lo sviluppo di una produzione interconnessa. SCHUNK intende favorire attivamente questo cambiamento. Oggi, infatti, è possibile ottenere la singola codifica laser di tutti i portautensili SCHUNK. Codici datamatrix identificativi sono già implementabili nei portautensili a serraggio poligonale TRIBOS e in quelli ad espansione idraulica TENDO, ad eccezione di TENDO E compact. Il codice datamatrix può essere definito singolarmente a seconda del sistema di documentazione in uso oppure può essere generato da SCHUNK in base ad un sistema di numerazione neutro. Il codice viene applicato in maniera permanente sul portautensile mediante un laser, senza comprometterne il grado di bilanciamento. I benefici dei codici di identificazione univoci sono evidenti: viene eliminata la possibilità di perdita o scambio delle etichette contenenti le informazioni di settaggio, oltre agli errori tipografici di trascrizione dei dati. Si riducono anche i tempi trascorsi davanti alla macchina o al dispositivo di presetting. È possibile documentare e monitorare l’intero ciclo di vita di utensili e portautensili. Questo genera informazioni esatte sull’efficienza di singoli tagli e regolazioni. Sarà perfino possibile fissare limiti di usura per la sostituzione degli utensili e il controllo dei portautensili. Il codice datamatrix in combinazione con il sistema di database offre vantaggi significanti rispetto all’utilizzo di una scheda RFID (Radio Frequency Identification).  Le schede RFID possono danneggiarsi, causando perdite di dati. In applicazioni pilota con codici datamatrix, è stato dimostrato invece che, anche in un utilizzo costante e su larga scale, viene assicurata una scansione affidabile dei dati, non essendo soggetto ad usura. Il processo di scansione è inoltre più veloce e meno problematico. Infine, non si possono non menzionare i vantaggi in termini di costi. Nonostante tutte le macchine e i dispositivi di presetting debbano essere connessi al sistema e al database, i costi per l’aggiunta di ogni portautensile sono minimi o trascurabili. Dotare, al contrario, ogni portautensile con una scheda RFID può avere un costo aggiuntivo che vaira dal 10 al 20%. Uno scanner RFID, analogamente, comporta investimenti relativamente elevati.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here