Sandro Salmoiraghi è il presidente di Federmacchine e Alfredo Mariotti il segretario generale

Foto 07 OKLo scorso ottobre, in occasione di un’assemblea di FEDERMACCHINE Sandro Salmoiraghi, past-president di ACIMIT (associazione costruttori italiani macchine tessili), è stato eletto presidente della federazione dei costruttori italiani di beni strumentali, per il biennio 2015-2016.

Alfredo Mariotti, direttore generale di UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE, è stato riconfermato segretario generale. Sandro Salmoiraghi, presidente di Salmoiraghi Automatic Handling Spa (Monza), succede a Giancarlo Losma, che ha guidato la federazione negli ultimi quattro anni.

Il nuovo consiglio direttivo risulta composto: dal vice presidente Marco Calcagni, ACIMGA, e dai consiglieri    Giorgio Colombo, ASSOCOMAPLAST; Adelio Lattuada, GIMAV; Giuseppe Lesce, UCIMA; Flavio Marabelli, CONFINDUSTRIA MARMOMACCHINE; Gabriella Marchioni Bocca, ASSOMAC; Pierluigi Ponzoni, ACIMAC; Lorenzo Primultini, ACIMALL; Riccardo Rosa, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE; Francesco Tieghi, AMAFOND.

FEDERMACCHINE aggrega 13 associazioni di categoria in rappresentanza di tutti i settori afferenti al comparto: ACIMAC macchine e attrezzature per ceramica; ACIMALL macchine per la lavorazione del legno; ACIMGA macchine per l’industria grafica, cartaria e affini; ACIMIT macchine per l’industria tessile; AMAFOND macchine e materiali per fonderie; ASSIOT, sistemi di trasmissione, movimento e potenza; ASSOCOMAPLAST macchine e stampi per materie plastiche e gomma; ASSOFLUID costruttori e operatori del settore oleoidraulico e pneumatico; ASSOMAC macchine per calzature, pelletteria e conceria; CONFINDUSTRIA MARMOMACCHINE ASSOMARMOMACCHINE macchine e attrezzature per la lavorazione delle pietre naturali; GIMAV macchine e accessori per il vetro; UCIMA macchine per confezionamento e imballaggio; UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE macchine utensili, robot e automazione.

Con 4.600 imprese, 179.465 addetti, e una produzione attestatasi, nel 2014, a 36,7 miliardi di euro, quasi il 5% in più rispetto all’anno precedente, l’industria italiana costruttrice di beni strumentali contribuisce in modo determinante, con oltre 19 miliardi di euro, al saldo della bilancia commerciale del paese risultata in attivo di 42,9 miliardi di euro.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here