Nuove tecnologie di rettifica

Il nuovo asse B automatico garantisce un posizionamento veloce e preciso

Studer presenta la versione rinnovata della rettificatrice cilindrica interna CT960, la macchina ideale per ogni applicazione di rettifica cilindrica interna, principalmente per il settore delle costruzioni di macchinari e utensili e per l’industria aeronautica e automobilistica. I punti di forza delle macchine si concentrano in particolare nella lavorazione di pezzi di piccole e medie dimensioni: matrici, pinze di serraggio, dispositivi portautensili, componenti idraulici, componenti medicali, calibri ad anello filettati e molti altri pezzi di acciaio, metallo duro, ceramica e vetro. Una di queste “tuttofare” è la CT960 a 4 mandrini con asse B a interpolazione completa, una rettificatrice cilindrica interna universale e rettificatrice per matrici con possibilità di rettifica esterna. Fritz Studer AG ha rinnovato la CT960 nel proprio centro di competenza per la rettifica cilindrica interna di Biel. Il revolver del mandrino portamola completamente rielaborato dispone ora di un nuovo azionamento diretto ad alta dinamicità. In futuro, questo permetterà di ottenere tempi di orientamento brevissimi. Il nuovo revolver con azionamento diretto  è un componente molto importante per una lavorazione completa. Permette di utilizzare fino a quattro mandrini portamola e un tastatore. I pezzi possono così essere lavorati interamente con un solo serraggio e misurati durante il processo – con minimi tempi accessori e alta precisione. Il tempo di orientamento è < 2 secondi a 90° e < 3 secondi a 270°. L’angolazione dei mandrini portamola è regolabile in modo continuo da –5° a +30° in tutte e quattro le posizioni. Tutti i posizionamenti che in precedenza avvenivano in modo meccanico sono controllati dal software StuderSimCT nella nuova versione. La novità decisiva della CT960 è l’asse B automatico della testa portapezzo, con campo di orientamento da +61° a -91° e un azionamento diretto, che garantisce un posizionamento molto rapido e preciso e una rettifica estremamente accurata con interpolazione dell’asse B per la lavorazione radiale. Grazie alla nuova concezione, l’asse B non ha più una superficie di appoggio, è completamente chiuso e pertanto esente da usura ed è ancora più veloce nel movimento. Con una precisione di < 1/10.000°, la macchina esce quasi dal campo del misurabile. Per ottenere risultati di rettifica ottimali, contano anche i dettagli, e di alcuni si è tenuto conto nella realizzazione della nuova CT960: un nuovo distributore di refrigerante provvede da un lato a mantenere le corrette condizioni interne, mentre il basamento della macchina è stato rinnovato utilizzando la ghisa GGG60 per la costruzione. La nuova forma e la maggiore rigidità si riflettono positivamente sull’intero sistema d’assi. Una mola tagliente è il presupposto fondamentale per una rettifica economica e di alta qualità. Per questo, è stata modificata anche l’unità di ravvivatura nel basamento della CT960 e il ravvivatore è stato rinforzato con una nuova battuta, per una ravvivatura delle mole ancora più precisa.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here