Meccanica italiana: al secondo posto dopo Germania

Rotor of a steam turbineIl Made in Italy non è solo moda e cibo. A confermarlo è uno studio sulla meccanica italiana che afferma che non solo negli ultimi 20 anni l’industria nel nostro Paese ha fatto passi da gigante, ma può anche assicurare un futuro alle nostre produzioni e alla capacità di attrarre investimenti stranieri. La ricerca, dal titolo “10 verità sulla competitività – Focus machinery”, è stata realizzata da Fondazione Symbola, Fondazione Edison e Unioncamere per la Fondazione Ucimu.

Tra i 10 punti della ricerca, quattro riguardano la meccanica.

1- L’industria italiana del machinery è campione di export
Con 53 miliardi di surplus, l’industria italiana della meccanica si posiziona al terzo posto nela graduatoria internazionale per saldo della bilancia commerciale, preceduta da tedeschi e giapponesi ma davanti a cinesi e sud coreani.

2- L’Italia è il secondo Paese più competitivo al mondo nel machinery
Nella classifica di competitività calcolata sulla base del Trade performance Index, elaborato dall’International Trade Centre dell’Unctad/Wto, l’industria italiana della meccanica risulta seconda subito dopo quella tedesca.

3- L’Italia è leader mondiale nella metà dei prodotti del settore meccanico
L’Italia risulta il Paese con il saldo attivo più alto per 62 prodotti dei 496 del settore meccanico nel commercio mondiale (indice Fortis-Corradini, Fondazione Edison). Se si estende l’analisi alle prime tre posizioni, l’industria italiana di settore risulta al top per ben 235 prodotti, circa la metà del totale.

4- L’Italia è il primo competitor della Germania nel machinery
Le imprese del Made in Italy sono le migliori concorrenti delle tedesche. In fatto di saldo attivo l’Italia esprime performance migliori anche di colossi quali Cina, Giappone, Usa, precedendo la Germania, considerata il benchmark, nel calcolo del surplus commerciale per ben 179 prodotti afferenti al settore machinery e apparecchi meccanici.

Per scaricare il focus sulle 10 verità, clicca qui.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here