Materiali compositi per i velivoli del futuro

Poiché l’industria aerospaziale si concentra sulla riduzione di peso dei velivoli e su produzioni sempre più snelle, i progettisti si rivolgono a soluzioni come i compositi termoplastici in grado di assicurare almeno le stesse prestazioni dei metalli tradizionali e dei materiali termoindurenti. In risposta a tali requisiti, la Tri-Mack Plastics Manufacturing Corporation – stampatore di materiali termoplastici ad elevata resistenza termica con sede a Bristol, Rhode Island – ha sviluppato delle apposite attrezzature finalizzate ai compositi in Victrex® Peek per la produzione di staffe destinate ad applicazioni strutturali del comparto aerospaziale. Oltre ad un risparmio quantificabile fino al 70% in peso rispetto a metalli come l’acciaio inossidabile, l’alluminio e il titanio, questo processo innovativo fornisce svariati altri vantaggi, come ad esempio tempi di ciclo più rapidi rispetto ai materiali termoindurenti. Questa velocità, abbinata alla possibilità di riciclare il materiale destinandolo ad altre applicazioni, consente di ottenere livelli del tutto inediti di efficienza produttiva. L’integrità dei componenti rappresenta un altro fattore critico per le prestazioni del velivolo in servizio al fine di minimizzare la manutenzione e i tempi di fermo. I compositi realizzati a base di termoplastici possono inoltre fornire la resistenza chimica e alla corrosione necessarie in presenza di carburanti per i jet, fluidi idraulici, soluzioni antigelo, sali, vapore, acqua e altri liquidi comunemente usati che andrebbero a compromettere la durata dei metalli. I compositi possono offrire indici di resistenza alla fatica, nonché rigidità e forza specifica pari a quattro o cinque volte di quelli dei metalli tradizionali come ad esempio l’alluminio. Tali proprietà meccaniche, unitamente al migliore smorzamento acustico e alla riduzione delle vibrazioni, rendono i compositi una soluzione molto interessante e conveniente per tutti quei progettisti che desiderino sostituire materiali pesanti e termoindurenti.

 

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here