Le rettificatrici tangenziali serie MAXI e MINI di Delta

Delta OKL’architettura a montante mobile è la caratteristica comune a tutte le rettificatrici delle serie MAXI e MINI proposte da DELTA rettificatrici . I significativi risultati raggiunti con queste due linee di macchine hanno consentito al marchio DELTA di raggiungere la posizione di leader in questo specifico segmento di mercato.

L’azienda pavese costituita nel 1955 (quest’anno compie 60 anni) offre oggi la più ampia gamma disponibile sul mercato:

– Linea MAXI prodotta in 9 modelli con superfici rettificabili da 1200×750 fino a 3000×1100 mm;

– Linea MINI prodotta in 3 modelli con superfici rettificabili da 800×550 fino a 1600×650 mm;

– I livelli d’automazione previsti sono 3: Diastep, CN e CNC.

Vediamo ora quali sono le principali caratteristiche costruttive di queste macchine.

1) IL MONTANTE MOBILE

L’architettura a montante mobile è caratterizzata da una struttura interamente realizzata con fusioni di ghisa Meehanite stabilizzata.

Con il montante mobile “la testa non cade”, infatti vengono eliminati in partenza tutti i problemi di caduta della testa legati alla corsa trasversale che si verificano normalmente nelle rettificatrici a testa mobile (flessione che aumenta con lo sbraccio della testa e relative problematiche di compensazione).

2) IL SOSTENTAMENTO IDROSTATICO PRESENTE SU TUTTI GLI ASSI-MACCHINA CON GUIDE IN PRESA INTEGRALE

Tutte le guide degli assi-macchina (tavola, montante e testa) sono a sostentamento idrostatico che significa:

– eliminazione degli attriti radenti e massimo sfruttamento di tutta la potenza installata

– usura zero

– movimenti estremamente regolari in assenza di andamento a scatti (stick-slip).

La prova? E’ sufficiente la pressione di un dito che agisce sulla tavola per spostare carichi considerevoli. Inoltre, per garantire la massima precisione, tutte le guide sono in presa integrale, quindi: la tavola appoggia sempre sul basamento per tutta la corsa longitudinale; lo stesso criterio viene applicato al montante ed alla testa.

3) MANDRINO IDRODINAMICO MACKENSEN

La linea mandrino è un progetto originale DELTA frutto di anni di ricerca e sperimentazioni. Anteriormente è supportato da un cuscinetto idrodinamico Mackensen ad usura zero mentre posteriormente è montata una coppia di cuscinetti a sfere di precisione precaricati. Il risultato:

elevata precisione geometrica e di lavoro

finiture superficiali accuratissime

durata nel tempo (praticamente garantito a vita)

4) SEMPLICITÀ DI UTILIZZO

Sono previsti tre differenti livelli di automazione DIASTEP, CN e CNC tutti caratterizzati dalla massima semplicità di utilizzo: in questo modo risulta estremamente facilitato il compito dell’operatore (piena operatività sulla macchina solo dopo ½ giornata di corso). Una ricca auto-diagnostica permette il controllo e la visualizzazione di eventuali anomalie tramite messaggi d’allarme, consentendo lavorazioni a macchina non presidiata. Ovviamente tutti i software dedicati sono stati realizzati dalla sezione sviluppo software DELTA.

5) ERGONOMIA

La macchina è caratterizzata da:

– protezione integrale con piano tavola ribassato per facilitare le operazioni di carico/scarico (tutta la superficie del piano magnetico a tavola sconfinata è completamente libera ed accessibile) e portellone con ampia finestratura che consente un’ottima visuale operativa in condizioni di massima sicurezza razionale;

– centralizzazione dei comandi tutti disposti su pulpito orientabile

– doppi canali di scarico del liquido refrigerante (anteriore e posteriore) capienti e facilmente accessibili per l’evacuazione ottimale dei residui di lavorazione e per agevoli operazioni di pulizia.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here