Il ruolo dell’Intelligenza Artificiale nella produzione di materiali stampati in 3D

Mechanical engineer Ed Cyr

La continua crescita e diffusione delle tecnologie per la stampa 3D porta i paesi di tutto il mondo a conquistare la posizione di innovatori. Il Canada, con i suoi progetti innovativi e il maggior supporto governativo, risulta essere il paese che più di tutti sta lavorando verso la tecnologia di stampa 3D. Non a caso, questa primavera, il Canada ha inaugurato il primo centro di ricerca per lo stampaggio 3D dei metalli per i settori della marina e della difesa, e la University of New Brunswick (UNB) ha lanciato un nuovo polo che combina lo sviluppo e la formazione della forza lavoro, la ricerca e la commercializzazione. Oggi, l’UNB è tornata in auge con il suo nuovo programma per le borse di studio post-dottorato focalizzate sull’innovazione, sovvenzionato dalla privata McCain Foundation. Lo scopo della borsa di studio di due/tre anni, del valore di 50.000 dollari all’anno, è quello di attrarre promettenti ricercatori in erba e fornire ai dottorandi le risorse necessarie per concretizzare la propria ricerca in prodotti per il mercato. Il primo destinatario di questa borsa di studio è il dottor Edward Cyr, un ingegnere meccanico della University of Waterloo che sta studiando il ruolo dell’intelligenza artificiale nella produzione di materiali stampati in 3D, cercando di comprendere il comportamento di tali materiali per sfruttarne le caratteristiche uniche con l’obiettivo di migliorare le tecniche di produzione tradizionale. A tale scopo, prevede di sviluppare un metodo di stampa 3D in grado di introdurre nuovi comportamenti, che non possono essere realizzati con materiali di produzione più convenzionali. Al momento, infatti, il dottor Cyr sta studiando una lega di alluminio stampata in 3D che aumenta la resistenza quando viene messa sotto specifici tipi di sollecitazioni – simile a una tipica lastra di lamiera, ma molto più forte. Il Dottor Cyr si spingerà oltre i confini di questa ricerca studiando un concept avveniristico per il quale ha sviluppato una tecnologia di stampa 3D che ha consentito a un ponte di progettarsi e realizzarsi da sé. La macchina ha scansionato la distanza del ponte desiderato, simulato la struttura e realizzato il ponte. https://3dprint.com/186686/innovation-fellowship-program/

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here