Il comparto macchine utensili traina la nuova industria italiana

Drehbank, CNC-FräseNegli anni del dopoguerra italiano, erano i settori dell’alimentare e del tessile e le fabbriche di rubinetterie e valvolame ad essere i protagonisti del mercato, oggi il panorama industriale presenta una nuova realtà e a guidarla è il comparto dellemacchine utensili, insieme a quello dell’imballaggio. A dichiararlo è il docente di Economia industriale e del commercio all’Università Cattolica e vicepresidente della Fondazione Edison, Marco Fortis.

Il settore delle macchine utensili Made in Italy sta infatti conquistando il mercato internazionale offrendo soluzioni ad hoc, su misura. È il caso, ad esempio, delle macchine per l’industria della ceramica, della pasta, del tessile e delle materie plastiche che concorrono a rendere la machinery italiana uno dei attori principali del mercato mondiale e anche di numerosi settori di nicchia.

Quadro positivo anche per l’industria dell’imballaggio, seppur ancora poco conosciuta, che garantisce ottimi risultati anche in altri comparti, come quello farmaceutico che registra in 3 anni una crescita dell’export di 7 miliardi.

Per informazioni, consultare il sito della Fondazione Edison.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here