Horizon 2020 azioni innovative e market driven

Horizon2020Portare un’idea di business o un nuovo prodotto ad avere sbocchi sempre più concreti sul mercato, è uno tra gli importanti obiettivi del nuovo Programma Quadro Horizon 2020, che per il prossimo settennato mira ad un rilancio del sistema economico europeo e a un rafforzamento delle micro e piccole-medie imprese che vi operano. Secondo quanto disposto dall’Unione Europa, questo proposito passa dalla necessità di integrare in modo più completo e strategico le attività di ricerca con quelle destinate all’innovazione e dal tentativo di promuovere e sostenere progetti sempre più market oriented, dando alle imprese, e in particolare alle Pmi, tutti gli strumenti necessari per realizzarli e svilupparli. Tra questi, la possibilità di usufruire di strutture di supporto esterne, operanti secondo i modelli tipici dei venture capitalist, che possano sostenere anche le realtà più piccole durante cambiamenti radicali di tecnologie e modelli operativi. In secondo luogo, a differenza dal passato, Horizon 2020, oltre a dettare nuove norme e nuovi procedimenti per l’avvio di bandi che operino in tal senso, mette anche a disposizione maggiori fondi per la realizzazione di test, attività di prototipazione, azioni di tipo dimostrativo e impianti pilota, in modo da poter assicurare alle aziende coinvolte uno stimolo economico e di sviluppo sempre più diretto e fattivo.
Come è noto, le linee di finanziamento previste da Horizon 2020 sono state semplificate rispetto a quanto precedentemente previsto dal 7° Programma Quadro e vengono suddivise principalmente tra Azioni di Ricerca e Innovazione, Azioni Innovative, Azioni di Coordinamento e fondi specifici per le ricerca. Ma vediamo con quali caratteristiche e modalità possono venire in aiuto al mondo imprenditoriale europeo e a quello italiano.

Erogazione dei contributi

Horizon 2020 ha previsto un’unica percentuale di rimborso dei costi per progetto, senza distinzione tra tipologia di beneficiari.
– Fino al 100% dei costi eleggibili per Research and Innovation Actions
– Fino al 70% dei costi eleggibili per Innovation Actions (fatta eccezione per organismi no-profit comunque finanziabili al 100%) e CO-FUND.
– I costi indiretti saranno calcolati sulla base di un unico tasso forfettario del 25% dei costi diretti eleggibili (eccetto i subcontratti e il sostegno finanziario da terzi).
– I costi del personale potranno essere rendicontati in base ad un costo medio (average personnel costs)

Sperimentare per innovare

Le RIA o Azioni di Ricerca e Innovazione sono attività che mirano a stabilire nuove conoscenze e a sperimentare la fattibilità di una nuova tecnologia o di una soluzione tecnica che è stata migliorata rispetto al passato. In qualunque settore industriale si operi, sia che si parli di un prodotto, di un processo o di un servizio specifico per il mercato. Nelle RIA, le imprese possono includere attività di ricerca di base e applicata, lo sviluppo di proprie tecnologie e la loro integrazione, grazie alla conduzione di test e azioni di validazione su un prototipo, prodotto su piccola scala, effettuati in laboratorio o in un ambiente di lavoro virtuale. Tali attività possono essere finanziate fino al 100%.

Dalla dimostrazione al mercato

Insieme alle precedenti  RIA, Horizon 2020 ha previsto anche lo stanziamento di fondi mirati per tutte quelle che ha definito IA o Azioni Innovative. Ovvero, attività che si prefiggono di produrre direttamente progetti, design di prodotti oppure piani per la realizzazione di processi o servizi, nuovi, modificati o migliorati rispetto al passato. Tra le IA possono essere perciò incluse azioni di prototipazione, testing, dimostrazioni, progetti pilota e tutte le operazioni necessarie per la validazione di un prodotto, realizzato su larga scala, oppure azioni di market replication, ovvero  tutte quelle forme di innovazione che contribuiscono a diminuire gli impatti ambientali e ottimizzano l’uso delle risorse presenti sul mercato per la realizzazione effettiva di un progetto. Queste misure possono prevedere anche limitate attività di ricerca e sviluppo e agiscono tramite un co-finanziamento UE del 70%, ad eccezione per le organizzazioni senza fine di lucro che hanno una copertura degli investimenti pari al 100%.

Chi può accedere ai fondi

Qualsiasi persona giuridica – ad esempio un’impresa, un’università, un centro di ricerca – stabilita in uno Stato UE o in un Paese associato o in un paese terzo, può partecipare ad un’azione indiretta purché soddisfi le condizioni minime di partecipazione. Sono ammissibili anche le organizzazioni internazionali. Il numero minimo di partecipanti è fissato in almeno tre soggetti indipendenti con sedi in altrettanti Paesi Membri o Associati. Alcuni specifici strumenti consentono invece la partecipazione di un solo soggetto: le azioni di ricerca di frontiera del Consiglio europeo della ricerca (CER), strumenti SMEs per le Pmi, Co-fund, Azioni di supporto e coordinamento, Azioni Marie Curie.

Un aiuto concreto allo sviluppo…

Tutto ciò che porta a favorire misure di affiancamento alle imprese, nella propria progettualità operativa e commerciale, rientra invece nelle CSA o Azioni di Coordinamento e Sviluppo . Nello specifico, si tratta di servizi di standardizzazione, divulgazione, sensibilizzazione e comunicazione, oppure attività di networking, servizi di coordinamento e supporto alle attività imprenditoriali, policy dialogues ed esercizi di mutual learning. Per queste misure si prevede un finanziamento fino al 100%. In tal senso, si muovono poi anche le cosiddette SMEs, ovvero tutti quegli strumenti espressamente pensati e creati per aiutare le Pmi più innovative che hanno l’obiettivo di crescere, innovare e internazionalizzare la propria attività sul mercato. Come già spiegato nell’articolo Il Bello di essere Pmi (Stampi, Aprile 2014), Horizon 2020 ha dedicato alle piccole e medie imprese europee, uno strumento specifico, organizzato secondo un ‘ciclo di innovazione’ in tre fasi, a cui si aggiungono attività di coaching e tutoring gratuite e mirate. Obiettivo dell’iniziativa è rafforzare le capacità gestionali di queste imprese, per aiutarle sempre più concretamente a sviluppare le proprie effettive opportunità di crescita, oltre, naturalmente, a contribuire alla trasformazione di un progetto in prodotti e servizi che abbiano un effettivo sbocco commerciale.

… e alla ricerca 

Tra gli obiettivi di Horizon 2020 in fatto di innovazione e sviluppo tecnologico, non mancano però anche interessanti misure destinate a incentivare la ricerca, in ambito industriale e no. In particolare, i PCP o Pre-Commercial procurement sono appalti per la realizzazione di una serie di attività di R&S finalizzate alla progettazione, produzione e sperimentazione di prototipi di prodotti o servizi non ancora idonei all’utilizzo commerciale ma con la possibilità di farlo, se perfezionati e industrializzati in modo efficace. Questo è sicuramente un sostegno economico interessante per tutte quelle realtà industriali che vogliono investire nel miglioramento della propria offerta produttiva, lanciando sul mercato nuove idee in cerca di uno sviluppo concreto. Sempre in tal senso, Horizon 2020 ha battezzato Public procurement of innovative solutions (PPI), tutti quegli appalti in cui le autorità pubbliche, possibilmente in cooperazione con acquirenti privati, possono agire come ‘clienti pilota’ (detti anche ‘early adopter’ o ‘launching customer’) per l’acquisizione di soluzioni innovative da commercializzare, ma che non sono ancora disponibili sul mercato in larga scala. Grazie, invece, al Programme CO-FUNDING Actions, l’Unione Europea cerca di sostenere programmi a favore di organizzazioni che gestiscono attività di ricerca e innovazione che possano aprire nuove strade di crescita imprenditoriale sul mercato. Mentre gli ERC Grants forniscono, infine, un sostegno a ricercatori eccellenti e ai loro team per svolgere attività di ricerca in nuovi settori e per applicazioni emergenti, che possano dare avvio ad approcci innovativi e non convenzionali in molteplici settori di lavoro.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here