Haas Automation per CSP

HE262-CS  CSP 12 red
Le dimensioni del lotto variano da uno o due prototipi, fino a centinaia di pezzi per magazzino

Fornire pezzi ad alte prestazioni per veicoli alimentati dal motore a quattro cilindri della Volkswagen è un’attività importante, che non soffre carenze di fornitori in Europa o negli USA. Un’azienda con le credenziali adeguate e un catalogo nutrito di componenti motore, freno e telaio è Custom and Speed Parts (CSP) con sede a Bargteheide, nei pressi di Amburgo in Germania.

Fondata nel 1987 da Peter Köhmann, CSP è nota agli appassionati VW per le sue imprese automobilistiche durante le quali testa molti dei pezzi realizzati con le sue macchine utensili CNC di Haas. Il dragster di raffinata fattura Karmann Ghia Type 34 con motore VW realizzato dall’azienda si trova nell’ingresso dello showroom dello stabilimento di produzione, circondato da varianti su piedistallo del motore classico.

La Type 34 pesantemente modificata dell’azienda detiene il record mondiale della sua categoria per il quarto di miglio in 8,85 sec. (69,73 m/s). Il suo motore da 2165cc sviluppa500 bhp, ovvero dieci volte il risultato di un’auto standard usando un blocco e una scatola delle stesse dimensioni. Quasi tutti i pezzi di freni e sospensioni vengono realizzati da CSP.

“È la nostra ossessione del weekend” , spiega Peter. “Le corse richiedono un sacco di tempo e denaro ovviamente, ma sono un ottimo banco di prova per i prodotti CSP e richiamano molta attenzione. Desideravamo che l’auto ottenesse i risultati migliori quindi i nostri punti di interesse quando l’abbiamo costruita sono stati la qualità e la finitura allo stesso livello delle prestazioni. È stata adeguatamente verniciata dopo la corsa di raggiungimento del record. Solo la verniciatura ha richiesto 500 ore-uomo!”

L’attenzione dell’azienda nei confronti della qualità non riguarda solo l’estetica. Tutti i prodotti CSP vengono realizzati per soddisfare pienamente gli standard TÜV tedeschi.

“Stiamo creando e vendendo pezzi per consentire alle VW e alle Porsche classiche di andare più velocemente di quanto siano mai state progettate per farlo. Quindi dobbiamo fare in modo che tutto quello che produciamo e vendiamo sia certificato e testato in base agli standard più elevati. Desideriamo che i nostri clienti sappiano che possono portare i loro veicoli in autostrada ed essere totalmente tranquilli in quanto a sicurezza. Ci sono prodotti più economici disponibili realizzati in fabbriche cinesi ma non mi affiderei ad essi sulle strade tedesche”.

Thomas Kelm, il braccio destro di Peter Köhmann, si occupa della programmazione e della produzione CNC. “Inizialmente ci affidavamo a subappaltatori per la realizzazione dei pezzi”, spiega. “La qualità e la consegna erano quantomeno irregolari. Improvvisamente l’azienda che creava i pezzi per noi ha chiuso. Quindi abbiamo acquistato un centro di lavoro CNC Haas VF-3“.

Thomas ha imparato da solo a utilizzare SolidWorks e CAMWorks. “Io sono quello che ha le idee”, spiega Peter. “Creo un abbozzo delle mie idee e Thomas ora le traduce in modelli CAD e genera il codice. Ci siamo trovati in una posizione in cui potevamo finalmente creare i pezzi che immaginavo. Siamo stati in grado di svilupparli, rifinirli e portarli rapidamente in produzione. I pezzi che il nostro subappaltatore produceva come costruzioni, ora li lavoriamo partendo da billette solide, quindi il loro aspetto e la finitura sono molto migliori”.

Il montaggio per un freno a disco posteriore, ad esempio, era realizzato inizialmente su due macchine: prima un tornio, quindi un centro verticale. Ora il pezzo viene realizzato con un unico settaggio sulla Haas.

Peter è anche un appassionato di mountain bike, e quando la nuova fresatrice Haas era appena arrivata, la teneva occupata esercitando le sue abilità di progettazione con la creazione di un extender da adattare alle cassette pignoni Shimano a 11 velocità. Come nel caso dei pezzi di taratura VW, l’anello Shimano è ottenuto da una billetta piena, dopodiché viene anodizzato in nero. Potrebbe non trattarsi dell’attività principale dell’azienda, ma si tratta di un esempio di come le menti creative troveranno sempre un modo per impiegare i loro strumenti.

Nel frattempo, la Haas VF-3 assieme a una Haas VF-2S con le sue velocità di mandrino più elevate hanno consentito all’azienda di creare prototipi migliori di nuovi prodotti. “Usiamo le macchine Haas come se fossero stampanti 3D“, spiega Peter. “Ad esempio, eseguiamo il taglio grezzo di nuove ganasce per freni a disco che utilizziamo quindi per i test di montaggio. Sebbene il prodotto finale venga stampato, la lavorazione della prima versione in alluminio è molto più rapida e semplice”.

I pezzi finiti stessi possono non essere autentici, ma CSP cerca di mantenere un aspetto finale autentico ove possibile. Ad esempio, uno dei supporti dei freni dell’azienda consente a un cliente di disporre di freni a tamburo originali e di montare freni a disco molto più potenti, mantenendo il tradizionale modello di ruota a cinque bulloni, tipico delle Volkswagen degli anni ’60.

I coperchi delle valvole rappresentano un altro prodotto fondamentale di CSP. Gli originali sono costruzioni in stagno. Il coperchio della valvola di CSP viene lavorato da una billetta solida ed è disponibile in versione anodizzata in diversi colori. Il prodotto migliorato evita le perdite, migliora il processo di raffreddamento e smorza il rumore. Ovviamente, anche l’aspetto è eccezionale! In precedenza, venivano prodotti dal subappaltatore e costavano a CSP 9 euro l’una. Ora vengono prodotte in azienda e costano € 5!

“Produciamo circa 500 pezzi, un volume inusitatamente elevato per noi. Solitamente produciamo circa 10-100 unità di un pezzo, per il magazzino. Quindi, molti dei nostri pezzi una volta erano costruzioni saldate in acciaio e ora vengono invece lavorati da un blocco solido. Ci piace anche scannerizzare pezzi e riprogettarli dai modelli. Si tratta di un modo rapido ed efficace per portare un nuovo modello in produzione. Potremmo in futuro investire in una Haas a 5 assi, in modo da poter lavorare su teste di cilindro. Ecco la direzione che abbiamo preso: lavorare a pezzi più complessi”.

Oltre alla Type 34, l’officina di CSP ospita diversi altri veicoli alimentati con motore VW, la maggior parte dei quali viene utilizzata anche per testare i prodotti. Messe al sicuro ci sono due Porsche 356: una semi-restaurata, l’altra un po’ polverosa ma assolutamente originale e, senza dubbio, molto attraente.

Vicino alle macchine CNC di Haas, su quella che sembra essere un’enorme tavola da macchina in acciaio piatta si trova l’ultima ossessione di Peter: un Transporter Splitscreen VW che CSP sta ricostruendo. Ancora non verniciato, il “Bus” vintage degli anni ’60 presenterà alla fine gli stessi colori del dragster e verrà utilizzato come veicolo di servizio per lo staff, oltre a fungere da veicolo di prova aggiuntivo per pezzi nuovi e prototipi. Proprio come il dragster, verrà realizzato per volare.

Mentre ammiriamo il suo ultimo progetto, Peter mi dà in mano un supporto per il freno: “Un’altra semplice cosa che facciamo e che prima non facevamo”, mi dice. “Incidiamo i numeri di pezzo sui nostri prodotti. Può non sembrare importante, ma incidere, anziché semplicemente stampare manualmente i numeri, è molto più rapido e il risultato ha un aspetto molto più professionale”.

Sorride: “Questo riassume tutto. Le macchine Haas ci hanno aiutato a migliorare tutti i nostri prodotti, trovare nuovi pezzi da produrre e migliorare in generale tutto quello che facciamo. Le cose sono andate bene”.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here