Haas Automation: centro HTEC La Joliverie

HE325-CS La Jol 16 red
Gli studenti presso l’HTEC La joliverie, sono entusiasti di imparare sulle dieci machine di Haas, incluso un centro di lavoro orizzontale EC400 e un centro di tornitura ST30-Y con asse Y e utensili di alimentazione

Non ci sono molti centri HTEC al mondo così ben strutturati, ben equipaggiati e dotati di un personale così eccellente come quello dell’istituto tecnico La Joliverie con sede a Nantes in Francia. Tutti gli HTEC vengono sviluppati per soddisfare gli standard definiti nel programma Haas, ma anche così, la maggior parte di essi è una modesta aggiunta a un istituto o facoltà, magari con due o tre macchine Haas e una sala computer con alcune postazioni CADCAM.

A La Joliverie, sono disponibili dieci macchine Haas, fornite dall’HFO regionale Realmeca, che comprendono un centro di lavoro orizzontale EC400 e un centro di tornitura ST-30Y con asse Y e utensili ad alimentazione. Sono disponibili inoltre due robot Fanuc, diverse macchine di misurazione di coordinate, un paio di presetter utensili e due sale IT climatizzate con più postazioni dedicate a CADCAM e CAE. È presente inoltre un buon numero esposto di progetti degli studenti – go-kart, barche a vela e altri trasporti su ruota, tra cui l’auto a elevatissimo chilometraggio più avanzata a livello mondiale realizzata dalla scuola.

Thierry Journaud è assistente alla direzione della formazione tecnica e professionale dell’istituto: “Qui organizziamo due piani di studio – un diploma superiore di formazione tecnica per lavorazione a macchina e un corso di formazione post-diploma, una qualifica nell’industrializzazione dei prodotti meccanici. Quindi per i nostri studenti è estremamente importante lavorare con macchine CNC. Negli ultimi 10 anni abbiamo utilizzato macchine Haas. Abbiamo scelto Haas perché sono intuitive per gli operatori e molto diffuse nel settore industriale della regione di Nantes. Ciò significa che dopo avere studiato in questo istituto, gli studenti verranno assunti da aziende della zona, tra cui grandi multinazionali come Airbus o subappaltatori che lavorano per Airbus, oltre che da piccole attività di zona”.

In un edificio che si trova a 50 metri dall’HTEC si trova un intero dipartimento dedicato alla passione di lunga data dell’istituto: l’elegante e premiata “auto” a elevato chilometraggio MicroJoule che da oltre 30 anni è l’oggetto di continui sviluppi da parte di personale docente e studenti. Sin dagli inizi e per diverse generazioni, il progetto è stato guidato e ispirato dal guru del chilometraggio di La Joliverie.

Philippe Maindru, che insegna nel corso professionale per tecnico superiore in ambito di motori a combustione interna, si trova vicino all’auto elettrica Microjoule
Philippe Maindru, che insegna nel corso professionale per tecnico superiore in ambito di
motori a combustione interna, si trova vicino all’auto elettrica Microjoule

Philippe Maindru: “Mi occupo del brevetto di tecnico superiore in ambito di motori a combustione interna. Sono un ingegnere automobilistico e dal 1985 partecipo a concorsi in ambito energetico. Si tratta di costruire automobili che vanno a 30 km/h e che sono progettate per consumare quanto meno energia possibile. Il nostro primo concorso è stato nel 1985 quando abbiamo partecipato alla ecomaratona Shell. Nel 1992 siamo stati i vincitori globali. Da allora siamo riusciti a difendere il nostro titolo e abbiamo addirittura infranto i record mondiali per combustibile, gas naturale, etanolo, elettricità e idrogeno. Per darvi qualche cifra, Microjoule è in grado di percorrere 3.761 km con un litro di carburante. Come realizziamo le nostre auto? Abbiamo bisogno di (molti) pezzi che vengono realizzati nella nostra officina CNC – l’HTEC. La fase di progettazione dei pezzi avviene con computer, e in seguito il nostro team trasferisce i progetti digitali e lavora i pezzi con le macchine utensili Haas. Gli studenti del corso professionale realizzano i pezzi più semplici, mentre gli studenti del corso post-secondario professionale realizzano quelli più complicati. Per i pezzi più sofisticati ci avvaliamo dei gruppi di apprendistato. Siamo entusiasti della qualità dei pezzi (ottenuti con macchine utensili Haas), che vengono realizzati proprio come li avevamo immaginati”.

Thierry Journaud: “Continueremo a lavorare sulla base dei dieci anni di esperienza acquisita finora con le macchine Haas, perché soddisfa alla perfezione i nostri requisiti. Il motivo più importante per cui usiamo macchine Haas è che il sistema a controllo numerico Haas è molto diffuso, intuitivo e facile da usare, il che è esattamente quello che vogliamo insegnare e che corrisponde alle prassi industriali. Inoltre, il controllo CNC Haas è compatibile c1n i pacchetti software professionali che usiamo, quindi, quando gli studenti lasciano la Joliverie con la loro formazione su macchine Haas, possono accedere a qualsiasi posto di lavoro del settore, e usare le macchine Haas che vi troveranno”.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here