Grafene per antenne flessibili NFC

e2b4b1b2-10ad-4f7f-b13f-e66468a0bcd0

Grazie alle particolari proprietà del grafene, come l’estrema resistenza o l’essere termicamente ed elettricamente conduttivo, gli studiosi del CNRIstituto per la sintesi organica e la fotoreattività, sono riusciti a realizzare un’antenna flessibile per trasmissioni Near-Field Communication (NFC), ovvero per lo scambio di dati ravvicinato tra dispositivi elettronici.

La ricerca, che fa parte del progetto UE Flagship Graphene, rappresenta un passo importante per l’elettronica e per le tecnologie di comunicazione. Infatti, le antenne NFC a base di grafene sono in grado di resistere a migliaia di cicli di curvatura e possono essere depositate su substrati polimerici o tessuti di seta. Un dettaglio da non tascurare. Tra le future applicazioni dello studio, infatti, potranno esserci le etichette NFC da indossare per interagire con smartphone e altri dispositivi elettronici.

L’antenna messa a punto dai ricercatori del CNR è composta da derivati del grafene ed è laminata su diversi substrati come PET, PVC, Kapton. Inoltre, gli studiosi hanno sviluppato un’altra antenna al grafene, su una base di carta-seta indossabile.

Maggiori informazioni sullo studio sono disponibili sul sito del CNR.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here