Crescita a doppia cifra per il mercato della stampa 3D

FOTO C mojo_solo_image_gears_highresBuono l’andamento globale delle stampanti desktop 3D più economiche (sotto i 5.000 dollari) nel primo semestre del 2015, che registrano una crescita del 24% rispetto al semestre precedente e un aumento anno su anno del 114%. Sono i dati rilasciati dalla società di ricerche di mercato Context sulla base dei quali si evince che a guidare questo sviluppo è il mercato nordamericano, dove sono concentrate il 63% di tutte le vendite globali di questa categoria, seguito dall’Europa occidentale che però rimane ancora un mercato molto più ristretto, con un 20%. Alla base di questa crescita l’entrata sul mercato di nuovi marchi, che però necessitano di supporto nella distruzione per potersi affermarsi maggiormente in questo segmento, e l’avanzata globale dei canali di vendita. Secondo Context i primi cinque produttori a livello mondiale che si sono affermati in questo primo semestre sono XYZPrinting (Da Vinci), 3D Systems (Cube/Cubify), M3D (The micro), Stratasys (MakerBot) e Ultimaker. E se per XYZPrinting, 3D Systems e Ultimaker ci sono stati buoni guadagni anno su anno, MakerBot ha dovuto far fronte a diverse difficoltà. M3D è un progetto alimentato da una campagna su Kickstarter che ha avuto grande successo e che ha fruttato oltre 3,4 milioni di dollari (10.800 prenotazioni) per la stampante 3D “The Micro”, offerta durante la campagna per 299 dollari. Il settore industriale/professionale continua a essere dominato da Stratasys e 3D Systems, nonostante abbiano registrato entrambi deboli risultati finanziari rispetto le attese nel primo semestre del 2015, e per il quale 3D Systems registra un aumento annuale grazie ai buoni prezzi applicati.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *