Credito Fenice: un servizio per le imprese in difficoltà

creditoE’ il primo servizio  che consente alle aziende direcuperare crediti deterioratisenza rivolgersi a società di recupero crediti o studi legali. Si chiama Credito Fenice ed è stato ideato dai due imprenditori marchigiani Massimiliano Gattari e Marco Conocchiari. La piattaforma, lanciata ufficialmente a fine 2014, è senza costi fissi e con una commissione da riconoscersi come aliquota solo sul recuperato e con la massima semplicità di utilizzo.

Il funzionamento della piattaforma, basata sul web, prevede che le aziende possano avvalersi di un innovativo metodo di gestione dei crediti deteriorati trovando acquirenti per i loro crediti o cercando crediti da acquistare a loro volta, con lo scopo di effettuare una compensazione dei loro debiti. Quindi è esclusa la necessità dell’intervento di soggetti terzi quali consulenti o legali.  Nei fatti:  l’azienda A accede alla piattaforma tramite le sue credenziali, rigorosamente riservate e protette, e carica un suo credito deteriorato vantato verso l’azienda B.  Altre aziende C , a loro volta debitrici di B, che hanno accesso alla piattaforma potranno così vedere che sono acquistabili crediti vantati verso l’azienda a cui loro devono denaro.

Credito Fenice, a questo punto, metterà in contatto l’azienda A con l’azienda C, aiutando entrambe a raggiungere il loro scopo tramite la cessione del credito. Infatti, A riuscirà a recuperare, tramite un libero mercato, parte del proprio credito; C acquisterà un credito ad un valore inferiore al nominale, con il quale effettuerà la compensazione; B avrà la possibilità di eliminare il debito verso A con la compensazione del suo credito verso C.

L’innovativa soluzione appare di sicuro interesse in un Paese come l’Italia in cui, secondo stime recenti della Cgia di Mestre, ben 3,4 milioni di società sono alle prese con problemi di liquidità cioè il 76% del totale delle aziende in attività.

Per il momento Credito Fenice ha stipulato accordi con la sigla di categoria Assografici, dalle cui note ufficiali sono state tratte anche le presenti informazioni, che è riuscita a offrire il servizio ai suoi associati a condizioni agevolate. Ma i suoi fondatori sono chiaramente interessati a lavorare in un’ottica di partnership con altre associazioni industriali. Per informazioni, scrivere all’indirizzo massimiliano.gattari@flosis.it.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here