Corso Progettazione Stampi: modulo avanzato

image007Il Centro di Studio Pressocolata dell’AIM, visti i positivi riscontri ottenuti nelle precedenti edizioni del Corso Base, propone la prima edizione del Modulo Avanzato del Corso Progettazione Stampi che si terrà il 9, 10 luglio presso il Parco Scientifico e Tecnologico Kilometro Rosso di Bergamo e il 21 e 22 luglio presso Co.Stamp di Sirone (LC).

Il Corso nasce con l’intenzione di approfondire e integrare, nel dettaglio, le conoscenze più aggiornate nella progettazione degli stampi da pressocolata menzionate nell’edizione di base del Corso stesso.

Rivolto, in prima battuta, ai partecipanti delle edizioni del Corso Base, risulta essere comunque adatto a tecnici che operano già da tempo nel settore della progettazione, realizzazione e utilizzo di stampi da pressocolata.

Il Corso infatti – pur mantenendo ampio spazio per le esercitazioni pratiche, in cui i partecipanti stessi saranno chiamati a confrontarsi direttamente nella progettazione delle varie componenti stampo – si propone di dare rilevanza a temi estremamente specifici, ma essenziali per le tecnologie di stampaggio più avanzate.

Gli argomenti trattati nel Corso rappresentano nozioni che sono, in alcuni casi, più approfondite persino della conoscenza media degli stampisti stessi.

Poiché lo stampo riveste un ruolo decisivo per il risultato economico della fonderia, il Centro di Studio ha voluto dare un contributo decisivo in questa direzione proponendo questo modulo avanzato. Le quattro giornate del Corso – ripercorrendo quasi idealmente il flusso del metallo in fase di stampaggio – trattano approfondimenti a partire dalle condizioni che si sviluppano nel contenitore d’iniezione. Dagli aspetti termodinamici, all’analisi delle criticità d’usura del sistema pistone – contenitore, fino allo studio dei materiali e sistemi di lubrifica per ottimizzare la vita e l’efficienza del sistema di iniezione, vista anche come possibilità di evitare inneschi di difetti trasferibili al getto finale.

Altro campo d’indagine del Corso è quello dedicato alla vita dello stampo e dei suoi componenti. Partendo dai criteri di scelta delle diverse tipologie di acciaio e trattamenti, in funzione delle specifiche lavorazioni e condizioni d’esercizio, si procede fino all’analisi dell’interazione metallo-stampo e dei metodi di previsione della fatica termo-meccanica sulle matrici.

Altro ambito, cui verrà data particolare rilevanza, riguarda la tecnologia del vuoto applicata allo stampaggio: i cenni forniti durante il Corso Base troveranno maggior spazio d’approfondimento, insieme alle più recenti tecnologie nell’ambito di progettazione, realizzazione e sensoristica di controllo per tale tecnologia, imprescindibile per molteplici getti a elevate prestazioni.

Per maggiori informazioni, clicca qui.

Un pensiero su “Corso Progettazione Stampi: modulo avanzato

  1. Certamente una ottima iniziativa, il tutto manca di un aspetto certamente indispensabile, la “MARCATURA CE” dello stampo, quale attrezzatura intercambiabile. Direttiva Macchine 2006/42.
    Tutti gli stampi, non hanno la marcatura “CE” e la relativa documentazione, solo pochissimi stampisti hanno adottato questo obbligo che l’essere in Europa la stessa ci impone, di seguire la procedura della marcatura “CE”.
    Come in tutte le cose italiane ci deve scappare il morto, dopo tutti in un modo o in altro, alla valà che va bene, cercheranno di correre hai ripari e solo dopo, le ASL arriveranno come avvoltoi a fare multe, perché è dal 1995 che le attrezzature intercambiabili devono essere marcate “CE”. (si veda direttiva 89/392)
    Saluti e buon lavoro.
    Giovanni Orsini, (ormai pensionato)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *