Canada e Italia intensificano la collaborazione S&T e Innovazione

unnamed
Onorevole Ed Fast

Una fitta agenda quella del Ministro canadese del Commercio Internazionale Ed Fast che a Roma ha incontrato i ministri Guidi e Giannini, il Vice Ministro De Vincenti e il Sottosegretario Giro, allo scopo di promuovere commercio, investimenti, sicurezza energetica e ricerca tra i due Paesi e sottolineare le opportunità dell’Accordo economico e commerciale (CETA) tra Canada e EU.

Il Ministro Fast ha presenziato inoltre, con ilSottosegretario agli Esteri Mario Giro, alla firma del “Piano d’Azione Canada-Italia per la Cooperazione nei campi della Scienza, Tecnologia e Innovazione”, un nuovo strumento che mira ad accrescere la reciproca collaborazione nei settori delle Tecnologie Marine, Artico, Aerospazio, Agricoltura, Agrifood e Scienze della Vita, con la prospettiva di creare nuovi prodotti e posti di lavoro.

Il nuovo Piano d’Azione fa seguito al “Tavolo Canada”, iniziativa bilaterale lanciata nel 2007 e formalizzata nel 2010, che ha fruttato la stipula di oltre 100 accordi di partenariato e iniziative congiunte. Recentemente, ad esempio, è stata lanciata una collaborazione scientifica tra il CNR e Canadian Polar Commission per ricerche nelle zone artiche.

“Il Canada e l’Italia hanno una solida tradizione di collaborazione nella ricerca scientifica. Questo nuovo “Piano d’Azione” sarà un valido strumento per incrementare gli scambi tra i nostri due Paesi” – ha commentato il Ministro Fast.

Le reciproche relazioni S&T e Innovazione sono ulteriormente rafforzate anche dall’iniziativa dell’Ambasciata del Canada in Italia “Premio Canada-Italia per l’Innovazione”. Giunto nel 2015 alla sua terza edizione, il Premio ha già dato vita a importanti ricerche congiunte tra i due Paesi ed è diventato ormai un punto di riferimento nella comunità scientifica; si rivolge a ricercatori, scienziati e innovatori italiani interessati a sviluppare e approfondire le proprie ricerche con partner  canadesi in ambiti e settori prioritari per entrambi i governi.

Per maggiori informazioni, consultare il sito dell’Ambasciata.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here