Bordignon Simone e l’evoluzione della maschiatura

foto-04-okIl sistema di filettatura DTAP prodotto da Bordignon Simone è costituito da una maschiatrice con tecnologia Direct Drive comandata da un pannello touch screen di ultima generazione. Diversamente dai dispositivi meccanici a cremagliera o vite, la DTAP si aziona semplicemente con un impulso elettrico (START) e lavora indipendente dalla corsa dello stampo e con qualsiasi angolazione. Grazie alla trasmissione diretta la maschiatrice assicura velocità, potenza, oltre a bassi costi di manutenzione. Il pannello di controllo, disponibile in versione singolo o multiplo per governare fino a 4 maschiatrici, è uno strumento facile e intuitivo che permette molteplici funzioni oltre al controllo di ogni fase di filettatura. Tra queste si segnalano: impostazione dell’altezza filetto e della velocità (giri/minuto) di filettatura, avvicinamento automatico e rapido del maschio al foro, controllo avvenuta filettatura, controllo usura del maschio, controllo coppia maschiatura minima e massima, possibilità di cambio filetto, impostazione per filettatura sinistra, memorizzazione e salvataggio dati filettatura, nonché regolazione della lubrificazione minimale. Il sistema DTAP può essere integrato con una pompa minimale di lubrificazione, dotata di moduli in grado di gestire in modo indipendente i tempi di erogazione e la miscelazione di aria/olio. È inoltre disponibile come optional il sensore D-TC progettato per fornire un controllo aggiuntivo di avvenuta filettatura su foro passante. Questo dispositivo, spinto dal maschio a fine filettatura, invia un impulso al pannello di controllo che rileva la corretta esecuzione del filetto. Sia la pompa di lubrificazione minimale sia il sensore D-TC possono essere utilizzati in sistemi diversi da quello della DTAP. Con questo nuovo modello, le aziende Bordignon Trading e Bordignon Simone, mettono a profitto tutto il know-how maturato nella decennale produzione di maschiatrici elettroniche, presentando al mercato uno dei dispositivi tecnologicamente più evoluti.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here