ANIMA: USA, secondo paese export per l’industria meccanica

Internal rotor of a steam Turbine at workshop

Gli Usa sono la seconda destinazione a livello globale per l’industria italiana della meccanica. Lo dichiara ANIMA, la Federazione delle Associazioni Nazionali dell’Industria Meccanica Varia ed Affine. Dal 2010 si è assistito a un incremento senza precedenti. La curva ascendente delle esportazioni dell’Italia verso l’America ha accennato a una leggera discesa nel 2016. Nel primo semestre sono stati persi 98 milioni di euro (-7,5%).

Rispetto al totale dell’export, che nel 2016 ha toccato quota 1,2 miliardi di euro, la porzione commerciale più rilevante è occupata dalle turbine a gas, per un totale di 361 milioni di euro, in aumento rispetto al 2015 (+1,9%). Viaggiano bene anche i macchinari da costruzione (+7,5%) per un valore di 105 milioni di euro.

In rosso le valvole e rubinetti, in confronto al semestre precedente (-18,5%), ma è uno scambio ancora molto importante, 206 milioni di euro. Anche il settore delle pompe ha subito una battuta d’arresto (-19,9%) passando dai 124 ai 99 milioni di euro. La performance peggiore è stata registrata dai macchinari per il sollevamento e il trasporto con un -28%, pari a una perdita dai 103 ai 74 milioni di euro. Sempre nell’ambito della movimentazione, i carrelli acquistano quote di mercato con un +36,3%, raggiungendo i 30 milioni di euro come valore export.

Gli imprenditori sono in attesa di conoscere le evoluzioni politico-industriali che Trump intraprenderà. È questione di tempo. Anche i trattati internazionali, per ora in stand-by, sono un fattore determinante per pianificare gli investimenti aziendali.

Ancora una volta le conformazioni geopolitiche influenzano la vita dell’economia reale.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here