A PROVA DI RELAX

Il nome Relax, assegnato a un nuovo phon professionale, sintetizza il risultato dello studio svolto da un’azienda che intende coniugare la funzionalità dell’oggetto con tre importanti obiettivi: silenziosità, leggerezza ed ecologia. Al design viene affidato il compito di esprimere questi obiettivi che un’accurata scelta di tecnologia e materiali permette di perseguire.

 

 Il briefing dell’azienda

Per comprendere il significato del briefing che coinvolge lo studio di design disegnobello nella messa a punto del phon Relax, occorre innanzitutto focalizzare l’attenzione sull’azienda committente, Gammapiù, che con 25 anni alle spalle nello specifico settore dei phon professionali, vanta una competenza tecnica qualificata oggi riconosciuta e apprezzata in tutto il mondo, grazie alle caratteristiche delle sue linee di prodotti. Le attività di Ricerca e Sviluppo hanno costantemente contraddistinto la storia aziendale ed è proprio ai principi di una continua innovazione che si ispirano le caratteristiche del nuovo phon di Gammapiù. Proprio nel nome di questo prodotto si racchiudono gli obiettivi qualitativi del briefing che coinvolge lo studio di design disegnobello per la loro interpretazione, attraverso la definizione di una forma stilistica in grado di comunicare le specifiche qualità che Relax intende possedere: leggerezza, silenziosità, ecologia dell’ambiente. Ad Andrea Bello, titolare dello studio di design disegnobello, con sede a Bergamo, l’azienda Gammapiù affida così il compito di tradurre questi concetti in un abito dalla forma stilisticamente leggera e filante, che appunto esprima quella leggerezza reale finalizzata a una riduzione del peso, quindi dello sforzo e delle conseguenze che potrebbero derivare ai professionisti cui tale prodotto è destinato. Trattandosi di un oggetto professionale, è infatti evidente che per esso si prevede un impiego elevato ed è per tale ragione che la ricerca di Gammapiù si orienta in modo particolare su obiettivi progettuali che possano confluire nella leggerezza dei componenti e nella riduzione del rumore durante il funzionamento dell’apparecchiatura. Bilanciamento dei pesi ed ergonomia della struttura devono assicurare a Relax la massima maneggevolezza, per ridurre eventuali problemi alle articolazioni e contribuire in tal modo al miglioramento della salute di chi lavora.

Il design

 

Sulla base delle indicazioni fornite dal briefing inizia la fase di design, che si sviluppa attraverso la stesura di una serie di bozzetti preliminari, prima su carta e immediatamente trasformati in immagini fotorealistiche, per valutare l’impatto estetico della forma ipotizzata.

Schizzi preliminari dalla matita di Andrea Bello

Già in questa fase si tiene naturalmente conto degli ingombri di massima previsti per i componenti funzionali che dovranno essere collocati all’interno dell’involucro, per il quale si ipotizza la realizzazione mediante stampaggio di materiale plastico. Ciascun bozzetto preliminare viene sottoposto alla verifica dell’ufficio tecnico dell’azienda, con il quale Andrea Bello instaura un rapporto collaborativo finalizzato all’ottimizzazione delle geometrie di design rispetto alle esigenze di ingegnerizzazione e produzione. “Per l’elaborazione stilistica di Relax”, precisa Andrea Bello, “sono state elaborate varie proposte, tutte in linea con i vincoli posti dai componenti interni. Ciascuna proposta stilistica è stata costantemente sottoposta a una valutazione congiunta con l’ufficio tecnico di Gammapiù, per arrivare così alla definizione della proposta finale, elaborata in modalità digitale e quindi acquisibile dai progettisti per la successiva fase di ingegnerizzazione”.  Nella stesura delle proposte si provvede alla simulazione dei colori da assegnare ai vari componenti dell’involucro, in modo tale da acquisire la percezione realistica dello stile desiderato attraverso il rapporto fra forma e colore. Su tale base viene effettuata anche la scelta definitiva del materiale da impiegare nello stampaggio dei componenti dell’involucro. Elaborate in ambiente Alias, le proposte beneficiano di una precisione geometrica che favorisce la successiva messa a punto di ogni dettaglio, nel corso delle attività di ingegnerizzazione. In un paio di mesi si conclude sostanzialmente la fase di design, che tuttavia non esaurisce l’impegno di disegnobello; lo studio seguirà il percorso di sviluppo di Relax fino alla produzione, per intervenire in quelle piccole modifiche che, nel rispetto del briefing, lungo tale percorso saranno richieste per rendere lo stile di design compatibile con le fasi produttive. Dalla proposta definitiva di design emerge non solo l’eleganza del prodotto, ma anche quella sobrietà che ne lascia percepire la qualità funzionale riconducibile ai principi di leggerezza ed ergonomia definiti dal briefing.

L’ingegnerizzazione

 

Il modello matematico elaborato in ambiente Alias da disegnobello viene trasferito all’ufficio tecnico di Gammapiù dove, in ambiente Cad, si elaborano i modelli Cad relativi a tutti i componenti strutturali del phon.

Il modello geometrico assume una forma stilistica realistica, che consente una valutazione per la scelta definitiva del bozzetto, prima di passare alla fase di ingegnerizzazione

Ogni dettaglio strutturale e componentistico viene infatti messo a punto in tale fase, in modo tale da perseguire gli obiettivi prestazionali richiesti a Relax. Grazie alle prestazioni funzionali, ottenute mediante portata d’aria, pressione e temperatura ottimali, si prevede una consistente riduzione dei tempi di asciugatura, a beneficio dell’efficienza dell’operatore che utilizzerà questo phon professionale. Dal punto di vista progettuale, nel nuovo phon convergono due importanti risultati della ricerca condotta dall’azienda, finalizzati alla silenziosità dell’apparecchio e alla riduzione dei fenomeni elettromagnetici connessi all’impiego di un motore elettrico. La riduzione del rumore viene affidata, in particolare, al dispositivo brevettato denominato TQS, Turbofan Quietness System, che permette di ridurre di 6 db il rumore emesso dal phon rispetto ad altri prodotti standard. Questa tecnologia fonoassorbente è stata implementata dall’ufficio tecnico di Gammapiù lavorando sulla tipologia dei componenti e selezionando il materiale tecnopolimero più adeguato per la loro realizzazione. Alla tecnologia brevettata Gammapiù E-TC, integrata con uno speciale motore REM, Rare Earth Metals, viene affidato il compito di ridurre le emissioni elettromagnetiche, fino al 97% rispetto a un phon standard.

Prototipi fisici, realizzati con tecniche di sinterizzazione, consentono di verificare ogni dettaglio e apportare le modifiche necessarie all’ottimizzazione della geometria di ogni componente, prima di passare alla sua realizzazione mediante stampaggio

Per l’ingegnerizzazione dell’assieme, dove confluiscono scocca e componentistica funzionale, si lavora in ambiente tridimensionale Catia per verificare la congruenza fra tutte le geometrie e la coerenza di ogni elemento plastico con le modalità di stampaggio. La fase di ingegnerizzazione si conclude con l’allestimento, attraverso processo di sinterizzazione, dei prototipi fisici relativi ai vari componenti della scocca, che vengono quindi assemblati fra loro, con il motore e i vari componenti elettrici interni. Sul prototipo fisico vengono eseguite le verifiche finali, per essere realmente certi che l’oggetto risponda ai requisiti funzionali, ergonomici e di assemblaggio.

 

La produzione

 

Una volta eseguite le verifiche sul prototipo fisico, si può passare alla fase produttiva vera e propria. Per quanto concerne i materiali plastici, viene scelto il nylon PA 6.6 per la parte esterna e uno speciale nylon caricato con elastomero per i componenti interni.

Stampo e fase di stampaggio nei reparti interni di Gammapiù

Quella del materiale è una scelta fondamentale, frutto di analisi approfondite svolte con il fornitore, soprattutto in relazione agli obiettivi di silenziosità che a Relax si richiedono. Si tratta di materiale plastico riciclabile, in linea quindi con i criteri di eco-compatibilità che il nuovo phon intende rispettare. Le geometrie virtuali dei modelli finali relativi ai vari componenti in materiale plastico sono affidate a stampisti esterni che provvedono alla realizzazione degli stampi definitivi. Questi ultimi vengono quindi impiegati per le attività di stampaggio, svolte nei reparti interni di Gammapiù, dove il ciclo produttivo si conclude con le operazioni di assemblaggio. Relax è pronto per la commercializzazione; non resta che provvedere al suo imballo per il quale, in linea con i principi di eco-compatibilità rispettati nella realizzazione dei suoi componenti, si impiega cartone riciclato e riciclabile.

Assemblaggio finale nei reparti interni

Arricchendo il proprio catalogo con il nuovo phon Relax, l’azienda Gammapiù persegue l’obiettivo di innovare la propria linea di prodotti all’insegna di miglioramenti destinati a vivere meglio il salone, garantendo la salute di chi lavora e il comfort dei clienti.

Giovanni Albertario


 

 


 


 

 

 

 


 


 

 

 


 

 

 

Fig.7 – Prototipi fisici, realizzati con tecniche di sinterizzazione, consentono di verificare ogni dettaglio e apportare le modifiche necessarie all’ottimizzazione della geometria di ogni componente, prima di passare alla sua realizzazione mediante stampaggio

 

(Fig7-Prototipo-DSCF1859.JPG)

 

 

 

Fig.8 – Stampo e fase di stampaggio nei reparti interni di Gammapiu

 

(Fig8a-stampo_4.JPG + Fig8b-stampo_5.JPG)

 

 

 

Fig.9 – Assemblaggio finale nei reparti interni

 

(Fig9-reparto assemblaggio.tif)

 

 

 

Fig.10 –  Relax è pronto per la commercializzazione

 

(Fig10-immagine A4 lucido.jpg)

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here