A Mecspe 2016 tutta l’innovazione per gli stampisti

foto A Stampo fatto in Digital ABS con stampante 3D Stratasys
Stampo fatto in Digital ABS con stampante 3D Stratasys
C
Punzone dello stampo protagonista della piazza della misura e controllo di Mecspe

Dalla stampa 3D, alla misura e controllo e formazione fino alla Direttiva Macchine passando per l’area Zero Difetti: sono numerose, innovative e tutte da “toccare con mano” le iniziative che MECSPE organizza quest’anno per gli stampisti.

“Fabbricare con la stampa 3D”,

Tra le unità dimostrative dedicate agli stampisti proposte quest’anno a Mecspe, spicca l’area “Fabbricare con la stampa 3D”, dove si potrà assistere in diretta a tutte le fasi di produzione di un gadget, dalla modellazione CAD fino al prodotto fabbricato con lo stampaggio a iniezione, passando per lo stampo realizzato sul posto in tempo reale con la stampa 3D. L’oggetto, che si potrà prendere per ricordo dell’area dimostrativa, è stato progettato per dimostrare materialmente a quali livelli di qualità, di precisione e di definizione si può spingere la manifattura additiva. Verrà stampato in polipropilene in colori differenti per ogni giorno della manifestazione fieristica internazionale. Nell’area si potranno vedere in qualsiasi momento in funzione sia la stampante 3D che crea gli stampi necessari per coprire la tiratura del gadget nei giorni della manifestazione sia la pressa a iniezione. Nel primo caso si tratta della stampante 3D Objet30 Prime di Stratasys, tra i leader mondiali della manifattura additiva e partner dell’iniziativa) basata sulla tecnologia PolyJet, un metodo avanzato di fabbricazione additiva che permette di realizzare prototipi, parti e utensili con superfici lisce e dettagli accurati. Una volta pronto, verrà prelevato dalla stampante 3D, inserito in un apposito portastampi e montato su una pressa a iniezione, fornita da un altro partner dell’iniziativa, l’azienda tedesca Dr.Boy, rappresentata in Italia da ST.A.TE (www.state-art.it). Dr.Boy produce una vasta gamma di presse che hanno in comune un design compatto e la facile accessibilità a tutti i componenti. In particolare, nell’area Fabbricare con la stampa 3D le figure saranno prodotte dalla compattissima BOY XS, adatta allo stampaggio a iniezione a cavità singola. Anche in questo caso la pressa sarà sempre in funzione durante Mecspe, e si potrà quindi assistere al suo ciclo di funzionamento, all’estrazione dei pezzi, ai cambi stampi e alle operazioni necessarie per il cambio di colore dei pezzi prodotti. Non solo: gli esperti di modellazione, stampa 3D e stampaggio di Dr.Boy e Stratasys saranno a disposizione dei visitatori per chiarire ogni dubbio tecnico.

Unità dimostrativa Misura e Controllo

L’attenzione dei visitatori sarà catturata anche dall’unità dimostrativa Misura e Controllo, che si concentrerà sulla verifica dell’oggetto finale, passaggio fondamentale per la realizzazione di prodotti e attrezzature. Nella piazza organizzata in MECPSE, coordinata dal prof. Claudio Giardini dell’Università degli Studi di Bergamo e direttore della rivista Stampi e membro dell’AITEM (Associazione Italiana di Tecnologia Meccanica), si vedrà, grazie alla collaborazione di UCISAP, una applicazione pratica di quanto descritto grazie alla partecipazione di vari partner: GF Machining Solutions, che fornirà in particolare il centro di lavoro ed il sistema robotizzato di movimentazione dei prodotti, ZEISS, che fornirà il sistema di misura a contatto per la rilevazione di sezioni e profili, QFP, che fornirà il sistema di misura non a contatto. Le misurazione realizzate saranno utilizzate come input per un software di confronto delle geometrie in grado di fornire a sua volta l’input per il sistema CAM che comanderà la macchina per la ripresa degli errori rilevati. Tutto questo costituirà di fatto una unità di misura e controllo che, grazie alla integrazione dei relativi elementi, rappresenterà un esempio di come l’automazione possa oggi di fatto essere impiegata per l’incremento della intelligenza delle macchine in linea con quanto definito “macchine intelligenti”.

DLaboratorio Salesiano di Produzione Stampi

Infine, a completare l’offerta MECSPE dedicata al mondo degli stampi, sarà replicato per il secondo anno, il Laboratorio Salesiano di Produzione Stampi che costituirà un’occasione concreta per ribadire il sodalizio scuola-impresa, in cui verrà presentato un innovativo modello didattico/esperienziale adottato dai Centri di Formazione Professionale Salesiani. Quest’anno l’area sarà incentrata sul “Progetto Stampi”, l’iniziativa promossa da Meusburger, Vero Solutions e Ucisap, volta alla formazione di insegnanti del CNOS FAP sulle tecnologie degli stampi ideata per consentire il trasferimento dei know-how necessari agli studenti. Centro del “Laboratorio” sarà la manutenzione e la revisione di uno stampo. Dieci ragazzi del quarto anno di Formazione Professionale, coordinati da un loro docente tecnico, opereranno nei diversi ambiti produttivi e realizzeranno quotidianamente i processi di lavoro, sotto la supervisione degli specialisti delle aziende, che li guideranno nello sviluppo delle tecnologie e dei processi legati allo stampaggio ad iniezione della plastica.

Filiera zero difetti

Degna di nota la Filiera zero difetti nella quale verrà sviluppato un progetto seguendo i parametri della lean production e dell’Industria 4.0: dall’attrezzaggio della macchina al controllo dei parametri di processo, fino alla qualità del pezzo finito, i visitatori potranno, attraverso un QR code, identificare e tracciare, passo dopo passo, il manufatto e verificare concretamente i numerosi vantaggi derivanti dall’ottimizzazione dei tempi di produzione e dalla riduzione delle criticità di processo. Un vero e proprio esempio concreto di procedura di qualificazione, di sorveglianza dei parametri di processo, di diagnosi precoce delle derive e di controllo di qualità, con ogni periferica interfacciata e controllata dal sistema centrale ALS di Arburg.

  “Stampo: attrezzatura o quasi-macchina?

Per rispondere a questa domanda, la rivista Stampi in collaborazione con Ucisap e Senaf organizza giovedì 17 marzo 2016 dalle 10.00 alle 13.00 al Centro Congressi Palacassa delle Fiere di Parma una tavola rotonda che prevede l’intervento introduttivo di un esperto che illustrerà l’argomento. Seguiranno nell’ordine: un approfondimento giuridico, una relazione sulla posizione di Ucisap e di Istma Europe e le relazioni di stampisti che porteranno la loro esperienza dalla quale auspichiamo possa nascere un dibattito vivace e sfociare in una tavola rotonda partecipata e proficua.

Per tutte le informazioni sulla fiera contattare luisella.borsa@senaf.it, tel. 02332039615

 

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here