Inpros, iniettori e macchine per l’industria

INPROS di Caerano di San Marco (TV) è attiva nello studio, sviluppo, fabbricazione di attrezzature e macchine per stampaggio termoplastici ad iniezione. E’ specializzata nelle più svariate tipologie di iniettori ausiliari per biiniezione, coiniezione, sovrastampaggio, con tavole rotanti elettriche o oleodinamiche, unità di controllo radiali o iniezioni sequenziali, applicazioni per la trasformazione di termoplastici non convenzionali. INPROS inoltre sviluppa e costruisce presse ad iniezione termoplastici per applicazioni dedicate, in diverse configurazioni di chiusura  e dimensioni. Attualmente l’attività di sviluppo di soluzioni dedicate, al di fuori degli impianti tradizionalmente offerti, è diventata preponderante, e richiede un ripensamento del ruolo, delle responsabilità, delle competenze normalmente attribuite dal committente ad un fornitore di attrezzature: INPROS ha il know how necessario per rispondere a tali esigenze.

Gli iniettori ausiliari INPROS possono essere installati in qualsiasi posizione relativamente alla pressa o allo stampo; vengono forniti completi di resistenze, termocoppie, trasduttori, tramoggia e connessioni rapide elettriche ed idrauliche, per l’interfacciamento alla centralina di comando. Per l’interfacciamento meccanico alla pressa, la scelta è tra l’utilizzo di un supporto di aggancio alle colonne, al piano pressa o allo stampo, oppure di un basamento regolabile. Se gli ingombri dell’iniettore vanno oltre agli sportelli della pressa, vengono fornite carenature antinfortunistiche, con profilo in alluminio e lastre in policarbonato. La centralina idraulica di comando autonoma è provvista di pompa a cilindrata fissa con inverter , regolazione pressione e portata proporzionali, contro pressione dosatura regolata con valvola proporzionale, profili su iniezione di pressione e velocità. Sono inoltre presenti filtro, scambiatore di calore, termostatazione olio e livelli visivo ed elettrico. Inpros ha scelto di utilizzare componenti elettronici e idraulici appartenenti a marchi leader del mercato (Bosch-Rexroth, Parker, Voith, Siemens, Gefran), facilmente rintracciabili da qualsiasi distributore a livello internazionale. Lateralmente alla centralina idraulica, sono alloggiati il quadro elettrico di comando e l’unità di controllo da portarsi a bordo macchina, avente le seguenti caratteristiche:

Video LCD7”a colori touch screen con risoluzione 800×480 multilingua

Settaggio profili iniezione di pressione e velocità

 Su tutti i movimenti regolazione pressione e controllo velocità con inverter motopompa

Regolazione contropressione con valvola proporzionale

Comando start ciclo da radiale o da sensore su stampo con

Regolazione ritardi iniezione

Memoria stampi e storico ultimi cicli

Diagnostica allarmi

Termoregolazione zone cilindro

Visualizzazione ingressi ed uscite attivi

Memoria 100 stampi

Grafici iniezione

Dimensioni: Diametro 280mm sp.85mm  Peso: 2 Kg

L’ interfacciamento elettrico alla pressa avviene tramite connettore Euromap 12, 62 o 67. Un quadro sdoppiamento EUROMAP ed interfacciamento robot  è disponibile su richiesta quando il connettore della pressa non fosse disponibile. Le connessioni elettriche e idrauliche comprendono la fornitura di guaine e tubi flessibili provviste di attacchi rapidi e prese alloggiati sui piani dell’iniettore. Una recentissima realizzazione, nata da requisiti del committente finale e sviluppate in collaborazione con partner altamente qualificati, è un’unità di iniezione per microstampaggi, completamente elettrica e installabile su presse esistenti. Essa è caratterizzata da estrema precisione e ripetibilità di processo. Le tavole rotative, con diametri utili da 650 mm a 3000 mm, possono essere ad azionamento idraulico o elettrico; in base alle esigenze dell’utilizzatore, viene proposta la soluzione ottimale per l’applicazione specifica. Nelle tavole in versione elettrica, l’attuatore consiste in un servomotore comandato da encoder assoluto, azionato da inverter vettoriale; esse prevedono il montaggio con il motore rivolto su ognuno dei 4 lati del piano pressa, così da minimizzare gli ingombri in presenza, per esempio, di robot cartesiano estrazione pezzi. Nella versione idraulica l’attuatore consiste in un motore idraulico comandato da un’elettrovalvola proporzionale completo, se la pressa non dispone di una linea di mandata idraulica, di centralina di comando. Essa può essere la stessa dell’eventuale iniettore ausiliario, con benefici a livello di costo, di ottimizzazione energetica e di ingombri.  Una caratteristica importante è la dislocazione delle connessioni per mandate e scarichi della distribuzione, alloggiate sui fianchi della tavola e non situate in maniera classica al centro e dietro al piano mobile verso il tavolino estrazione. Nella versione standard le tavole sono configurate per lo stampaggio a 2 stazioni, ma possono essere configurate per 3 o 4 stazioni. Le linee di distribuzione sulla tavola sono di serie con 2 mandate e 2 scarichi olio, più 2 mandate e 2 scarichi acqua. A richiesta possono essere aggiunte altre linee per aria compressa o per gas. Le forature per il fissaggio dello stampo rispettano gli standard EUROMAP 2, mentre le connessioni elettriche seguono le specifiche EUROMAP 12. In opzione possono essere richieste forature aggiuntive per il centraggio stampo. Se necessario, in presenza di giochi elevati tra bronzine e colonne della pressa, o flessione accentuata del bancale di chiusura per effetto della massa tavola + stampo, sono disponibili pattini per l’auto-sostegno della tavola sulle colonne della pressa. Grande attenzione è stata prestata allo spessore delle tavole, che non eccede i 230 mm. nelle configurazioni a catalogo. Rapidissimo il tempo di commutazione, pari a circa 2” per tavole fino a 900 mm di diametro e fino a 4” per le più grandi. Le centraline oleodinamiche per gestione di martinetti radiali assumono particolare rilevanza, sia per l’utilizzo su presse completamente elettriche, sia per il comando di martinetti con caratteristiche o portate eccedenti le capacità delle soluzioni fornite con le macchine ad iniezione tradizionali. Completamente autonome, carrellate, esse sono equipaggiate con pompa ad ingranaggi a portata fissa ed inverter per l’ottimizzazione energetica. Sono dotate di unità di comando e controllo autonoma e palmare con video touch-screen, in grado di gestire fino a 8 valvole indipendenti.

Le centraline comando iniettori sequenziali si contraddistinguono per:

– motopompa a cilindrata fissa, scambiatore, filtro, regolazione pressione e accumulatore, che comandano sequenzialmente i distributori olio

– impianto pneumatico completo di elettrovalvole  aria 

– uscita pressione e scarico olio verso lo stampo

– connessioni  idrauliche e pneumatiche provviste di attacchi rapidi

– quadro elettrico e pannello di comando touch screen

– doppia interfaccia per comando separato elettrovalvole

– carrello su ruote con freno

In opzione possono essere dotate di uscite per comando bobine su stampo con tensione impostabile  24AC / 24 CC / 110CC e regolazione pressione olio  su ogni uscita.

La società sarà presente a Mecspe 2014 (Eurostampi) – Parma 27-29 marzo.

 

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Inserire questo codice*: captcha 

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here